A Cantalice e Città Ducale la seconda prova del NATIONAL TROPHY OFF-ROAD la gara è concomitante con il primo round del Campionato Europeo GIROLAMI DIFENDE LA TESTA DELLA CLASSIFCA DEL TROFEO

 Spoleto – Dopo il positivo esordio dello scorso 2 marzo a Massa Marittima, tornano in scena domenica prossima i piloti che partecipano al National Trophy Off Road, il challenge di enduro, organizzato dal Moto Club Spoleto che si svolge in concomitanza con importanti eventi nazionali e internazionali. Teatro di questa seconda prova il monte Terminillo, dove si svolge la prima tappa del Campionato Europeo 2015, organizzato dal Moto Club Terremoto di Cantalice. Interessati i comuni di Rieti, Cantalice e Città Ducale. Proprio nell’importante cittadina reatina è ubicata la direzione gara che per due giorni ospiterà circa 200 piloti provenienti da ben 17 paesi del continente europeo e fra questi, ovviamente, anche quelli che partecipano al NATIONAL TROPHY OFF ROAD che a differenza del torneo continentale si svolgerà nella sola giornata di domenica.

Estremamente selettivo il tacciato di gara, lungo circa sessanta chilometri, ricavato nei territori dei comuni di Città Ducale, Cantalice e Rieti che verrà ripetuto tre volte e comprende tre prove selettive ad ogni giro. La prima speciale è un cross test di circa tre chilometri ricavato di fronte al campo sportivo di Cantalice, la seconda, una lunga linea molto impegnativa di sei chilometri, con partenza dal Vallone di Lisciano, ai piedi del Terminillo e la terza di tre chilometri in località Santa Rufina.

 

Impossibile fare previsioni sulla gara continentale, visto che è il primo appuntamento della stagione, anche se i piloti italiani partono con ottime chance, mentre per ciò che riguarda il National Trophy Off Road i favori vanno ancora una volta per il laziale Simone Girolami (KTM) che si è imposto con una certa facilità nella prima prova. In questa circostanza però, a contendergli il primato, ci sarà l’esperto perugino Roberto Bazzurri (Beta), assente a Massa Marittima per un grave lutto familiare. Bazzurri già pilota della nazionale, vanta numerosi titoli tricolori e una grande esperienza internazionale e quindi per Girolami e compagni sarà una sfida difficile. Da tenere d’occhio anche un altro umbro Alessandro Pagliacci (Beta), portacolori del Moto Club Spoleto già messosi in evidenza sia in campo nazionale che internazionale così come Fabio Scrocca, uno junior in grande ascesa.

(Nella foto Alessandro Pagliacci)

 

 

Spoleto 10 Aprile 2015

Ufficio Stampa

 

ale